Finanziamento a fondo perduto per progetti di innovazione per una manifattura sostenibile e digitale.

Descrizione Bando

Lo sco­po del ban­do è sup­por­ta­re l’a­van­za­men­to del­la matu­ri­tà tec­no­lo­gi­ca di pro­ces­si, pro­dot­ti, ser­vi­zi inno­va­ti­vi che par­ta­no da un TRL5.

Il ban­do è rivol­to a tut­te le impre­se che voglio­no sfrut­ta­re le tec­no­lo­gie, i ser­vi­zi e le infra­strut­tu­re del CIM4.0 per svi­lup­pa­re il pro­prio pro­get­to inno­va­ti­vo.

Tre Ambi­ti di inter­ven­to:

  • Industry 4.0
  • Manifattura sostenibile per aerospace
  • Manifattura sostenibile per automotive

Soggetti beneficiari

Possono accedere al presente Bando e richiedere l’agevolazione le GI, le MPMI e le start up innovative che, al momento della presentazione della domanda, siano regolarmente costituite in forma societaria e iscritte nel Registro Imprese da almeno 2 (due) anni e possedere almeno 2 (due) bilanci chiusi ed approvati, ad eccezione delle startup innovative per le quali verrà verificata l’iscrizione all’apposito registro della Camera di Commercio.

Tipologia di interventi ammissibili

Le proposte progettuali dovranno avere le seguenti caratteristiche:

– Rientranre tra i seguenti ambiti di intervento:

  • Industry 4.0
  • Manifattura sostenibile per aerospace
  • Manifattura sostenibile per automotive

– Utilizzare una o più tecnologie e/o competenze del CIM4.0;

– Avere un impatto sulla sostenibilità sociale e/o economica e/o ambientale;

– Essere caratterizzate da un elevato livello di innovatività, ovvero con TRL pari almeno a 5 e che raggiungano, al termine delle attività, un livello superiore (da 6 a 9);

– Richiedere un contributo erogabile non superiore ad € 400.000,00 a progetto.

Sono ammissibili alle agevolazioni i seguenti costi:

  • Personale dell’impresa, incluse missioni e trasferte;
  • Spese generali (15% del costo totale del personale);
  • Strumentazione, attrezzature, impianti, macchinari e componenti hardware e software;
  • Servizi di consulenza specialistica e tecnologica;
  • Costi per materiali;
  • Costi per licenze e diritti relativi all’utilizzo di titoli della proprietà intellettuale;
  • Locazione degli immobili.

Entità e forma dell’agevolazione

L’agevolazione è concessa nella forma di contributo a fondo perduto, fino ad una quota massima erogabile di € 400.000,00 a progetto.

Le attività da svolgere potranno essere distinte tra Ricerca Industriale, Sviluppo Sperimentale e Studio di Fattibilità. Le agevolazioni sono così ripartite:

 % intensità aiuto sul totale dei costi ammissibili
ATTIVITÀMicro e Piccole ImpreseMedie ImpreseGrandi Imprese
Ricerca Industriale (RI)70%60%50%
Sviluppo Sperimentale (SS)45%35%25%
Studi di Fattibilità (SF)70%60%50%

Scadenza

4 agosto 2023

CCIAA delle Marche. Finanziamento a fondo perduto per l’internazionalizzazione. Bando primo semestre 2023.

Descrizione Bando

Lo sco­po del ban­do è sup­por­ta­re l’a­van­za­men­to del­la matu­ri­tà tec­no­lo­gi­ca di pro­ces­si, pro­dot­ti, ser­vi­zi inno­va­ti­vi che par­ta­no da un TRL5.

Il ban­do è rivol­to a tut­te le impre­se che voglio­no sfrut­ta­re le tec­no­lo­gie, i ser­vi­zi e le infra­strut­tu­re del CIM4.0 per svi­lup­pa­re il pro­prio pro­get­to inno­va­ti­vo.

Tre Ambi­ti di inter­ven­to:

  • Industry 4.0
  • Manifattura sostenibile per aerospace
  • Manifattura sostenibile per automotive

Soggetti beneficiari

Possono accedere al presente Bando e richiedere l’agevolazione le GI, le MPMI e le start up innovative che, al momento della presentazione della domanda, siano regolarmente costituite in forma societaria e iscritte nel Registro Imprese da almeno 2 (due) anni e possedere almeno 2 (due) bilanci chiusi ed approvati, ad eccezione delle startup innovative per le quali verrà verificata l’iscrizione all’apposito registro della Camera di Commercio.

Tipologia di interventi ammissibili

Le proposte progettuali dovranno avere le seguenti caratteristiche:

– Rientranre tra i seguenti ambiti di intervento:

  • Industry 4.0
  • Manifattura sostenibile per aerospace
  • Manifattura sostenibile per automotive

– Utilizzare una o più tecnologie e/o competenze del CIM4.0;

– Avere un impatto sulla sostenibilità sociale e/o economica e/o ambientale;

– Essere caratterizzate da un elevato livello di innovatività, ovvero con TRL pari almeno a 5 e che raggiungano, al termine delle attività, un livello superiore (da 6 a 9);

– Richiedere un contributo erogabile non superiore ad € 400.000,00 a progetto.

Sono ammissibili alle agevolazioni i seguenti costi:

  • Personale dell’impresa, incluse missioni e trasferte;
  • Spese generali (15% del costo totale del personale);
  • Strumentazione, attrezzature, impianti, macchinari e componenti hardware e software;
  • Servizi di consulenza specialistica e tecnologica;
  • Costi per materiali;
  • Costi per licenze e diritti relativi all’utilizzo di titoli della proprietà intellettuale;
  • Locazione degli immobili.

Entità e forma dell’agevolazione

L’agevolazione è concessa nella forma di contributo a fondo perduto, fino ad una quota massima erogabile di € 400.000,00 a progetto.

Le attività da svolgere potranno essere distinte tra Ricerca Industriale, Sviluppo Sperimentale e Studio di Fattibilità. Le agevolazioni sono così ripartite:

 % intensità aiuto sul totale dei costi ammissibili
ATTIVITÀMicro e Piccole ImpreseMedie ImpreseGrandi Imprese
Ricerca Industriale (RI)70%60%50%
Sviluppo Sperimentale (SS)45%35%25%
Studi di Fattibilità (SF)70%60%50%

Scadenza

4 agosto 2023

PNNR fondo perduto per l’installazione di pannelli fotovoltaici sulle coperture degli edifici ad uso produttivo agroindustriale

Descrizione Bando

Lo sco­po del ban­do è sup­por­ta­re l’a­van­za­men­to del­la matu­ri­tà tec­no­lo­gi­ca di pro­ces­si, pro­dot­ti, ser­vi­zi inno­va­ti­vi che par­ta­no da un TRL5.

Il ban­do è rivol­to a tut­te le impre­se che voglio­no sfrut­ta­re le tec­no­lo­gie, i ser­vi­zi e le infra­strut­tu­re del CIM4.0 per svi­lup­pa­re il pro­prio pro­get­to inno­va­ti­vo.

Tre Ambi­ti di inter­ven­to:

  • Industry 4.0
  • Manifattura sostenibile per aerospace
  • Manifattura sostenibile per automotive

Soggetti beneficiari

Possono accedere al presente Bando e richiedere l’agevolazione le GI, le MPMI e le start up innovative che, al momento della presentazione della domanda, siano regolarmente costituite in forma societaria e iscritte nel Registro Imprese da almeno 2 (due) anni e possedere almeno 2 (due) bilanci chiusi ed approvati, ad eccezione delle startup innovative per le quali verrà verificata l’iscrizione all’apposito registro della Camera di Commercio.

Tipologia di interventi ammissibili

Le proposte progettuali dovranno avere le seguenti caratteristiche:

– Rientranre tra i seguenti ambiti di intervento:

  • Industry 4.0
  • Manifattura sostenibile per aerospace
  • Manifattura sostenibile per automotive

– Utilizzare una o più tecnologie e/o competenze del CIM4.0;

– Avere un impatto sulla sostenibilità sociale e/o economica e/o ambientale;

– Essere caratterizzate da un elevato livello di innovatività, ovvero con TRL pari almeno a 5 e che raggiungano, al termine delle attività, un livello superiore (da 6 a 9);

– Richiedere un contributo erogabile non superiore ad € 400.000,00 a progetto.

Sono ammissibili alle agevolazioni i seguenti costi:

  • Personale dell’impresa, incluse missioni e trasferte;
  • Spese generali (15% del costo totale del personale);
  • Strumentazione, attrezzature, impianti, macchinari e componenti hardware e software;
  • Servizi di consulenza specialistica e tecnologica;
  • Costi per materiali;
  • Costi per licenze e diritti relativi all’utilizzo di titoli della proprietà intellettuale;
  • Locazione degli immobili.

Entità e forma dell’agevolazione

L’agevolazione è concessa nella forma di contributo a fondo perduto, fino ad una quota massima erogabile di € 400.000,00 a progetto.

Le attività da svolgere potranno essere distinte tra Ricerca Industriale, Sviluppo Sperimentale e Studio di Fattibilità. Le agevolazioni sono così ripartite:

 % intensità aiuto sul totale dei costi ammissibili
ATTIVITÀMicro e Piccole ImpreseMedie ImpreseGrandi Imprese
Ricerca Industriale (RI)70%60%50%
Sviluppo Sperimentale (SS)45%35%25%
Studi di Fattibilità (SF)70%60%50%

Scadenza

4 agosto 2023

INVITALIA. Bando Smart&Start – NUOVE RISORSE per 108 mlni

Descrizione Bando

Lo sco­po del ban­do è sup­por­ta­re l’a­van­za­men­to del­la matu­ri­tà tec­no­lo­gi­ca di pro­ces­si, pro­dot­ti, ser­vi­zi inno­va­ti­vi che par­ta­no da un TRL5.

Il ban­do è rivol­to a tut­te le impre­se che voglio­no sfrut­ta­re le tec­no­lo­gie, i ser­vi­zi e le infra­strut­tu­re del CIM4.0 per svi­lup­pa­re il pro­prio pro­get­to inno­va­ti­vo.

Tre Ambi­ti di inter­ven­to:

  • Industry 4.0
  • Manifattura sostenibile per aerospace
  • Manifattura sostenibile per automotive

Soggetti beneficiari

Possono accedere al presente Bando e richiedere l’agevolazione le GI, le MPMI e le start up innovative che, al momento della presentazione della domanda, siano regolarmente costituite in forma societaria e iscritte nel Registro Imprese da almeno 2 (due) anni e possedere almeno 2 (due) bilanci chiusi ed approvati, ad eccezione delle startup innovative per le quali verrà verificata l’iscrizione all’apposito registro della Camera di Commercio.

Tipologia di interventi ammissibili

Le proposte progettuali dovranno avere le seguenti caratteristiche:

– Rientranre tra i seguenti ambiti di intervento:

  • Industry 4.0
  • Manifattura sostenibile per aerospace
  • Manifattura sostenibile per automotive

– Utilizzare una o più tecnologie e/o competenze del CIM4.0;

– Avere un impatto sulla sostenibilità sociale e/o economica e/o ambientale;

– Essere caratterizzate da un elevato livello di innovatività, ovvero con TRL pari almeno a 5 e che raggiungano, al termine delle attività, un livello superiore (da 6 a 9);

– Richiedere un contributo erogabile non superiore ad € 400.000,00 a progetto.

Sono ammissibili alle agevolazioni i seguenti costi:

  • Personale dell’impresa, incluse missioni e trasferte;
  • Spese generali (15% del costo totale del personale);
  • Strumentazione, attrezzature, impianti, macchinari e componenti hardware e software;
  • Servizi di consulenza specialistica e tecnologica;
  • Costi per materiali;
  • Costi per licenze e diritti relativi all’utilizzo di titoli della proprietà intellettuale;
  • Locazione degli immobili.

Entità e forma dell’agevolazione

L’agevolazione è concessa nella forma di contributo a fondo perduto, fino ad una quota massima erogabile di € 400.000,00 a progetto.

Le attività da svolgere potranno essere distinte tra Ricerca Industriale, Sviluppo Sperimentale e Studio di Fattibilità. Le agevolazioni sono così ripartite:

 % intensità aiuto sul totale dei costi ammissibili
ATTIVITÀMicro e Piccole ImpreseMedie ImpreseGrandi Imprese
Ricerca Industriale (RI)70%60%50%
Sviluppo Sperimentale (SS)45%35%25%
Studi di Fattibilità (SF)70%60%50%

Scadenza

4 agosto 2023

Marche: Contributo in conto impianti e finanziamento agevolato per programmi di investimento finalizzati alla riqualificazione delle aree di crisi industriale complessa del Distretto delle Pelli-Calzature Fermano-Maceratese.

Descrizione Bando

Lo sco­po del ban­do è sup­por­ta­re l’a­van­za­men­to del­la matu­ri­tà tec­no­lo­gi­ca di pro­ces­si, pro­dot­ti, ser­vi­zi inno­va­ti­vi che par­ta­no da un TRL5.

Il ban­do è rivol­to a tut­te le impre­se che voglio­no sfrut­ta­re le tec­no­lo­gie, i ser­vi­zi e le infra­strut­tu­re del CIM4.0 per svi­lup­pa­re il pro­prio pro­get­to inno­va­ti­vo.

Tre Ambi­ti di inter­ven­to:

  • Industry 4.0
  • Manifattura sostenibile per aerospace
  • Manifattura sostenibile per automotive

Soggetti beneficiari

Possono accedere al presente Bando e richiedere l’agevolazione le GI, le MPMI e le start up innovative che, al momento della presentazione della domanda, siano regolarmente costituite in forma societaria e iscritte nel Registro Imprese da almeno 2 (due) anni e possedere almeno 2 (due) bilanci chiusi ed approvati, ad eccezione delle startup innovative per le quali verrà verificata l’iscrizione all’apposito registro della Camera di Commercio.

Tipologia di interventi ammissibili

Le proposte progettuali dovranno avere le seguenti caratteristiche:

– Rientranre tra i seguenti ambiti di intervento:

  • Industry 4.0
  • Manifattura sostenibile per aerospace
  • Manifattura sostenibile per automotive

– Utilizzare una o più tecnologie e/o competenze del CIM4.0;

– Avere un impatto sulla sostenibilità sociale e/o economica e/o ambientale;

– Essere caratterizzate da un elevato livello di innovatività, ovvero con TRL pari almeno a 5 e che raggiungano, al termine delle attività, un livello superiore (da 6 a 9);

– Richiedere un contributo erogabile non superiore ad € 400.000,00 a progetto.

Sono ammissibili alle agevolazioni i seguenti costi:

  • Personale dell’impresa, incluse missioni e trasferte;
  • Spese generali (15% del costo totale del personale);
  • Strumentazione, attrezzature, impianti, macchinari e componenti hardware e software;
  • Servizi di consulenza specialistica e tecnologica;
  • Costi per materiali;
  • Costi per licenze e diritti relativi all’utilizzo di titoli della proprietà intellettuale;
  • Locazione degli immobili.

Entità e forma dell’agevolazione

L’agevolazione è concessa nella forma di contributo a fondo perduto, fino ad una quota massima erogabile di € 400.000,00 a progetto.

Le attività da svolgere potranno essere distinte tra Ricerca Industriale, Sviluppo Sperimentale e Studio di Fattibilità. Le agevolazioni sono così ripartite:

 % intensità aiuto sul totale dei costi ammissibili
ATTIVITÀMicro e Piccole ImpreseMedie ImpreseGrandi Imprese
Ricerca Industriale (RI)70%60%50%
Sviluppo Sperimentale (SS)45%35%25%
Studi di Fattibilità (SF)70%60%50%

Scadenza

4 agosto 2023

Marche: Finanziamento a fondo perduto a sostegno delle PMI industriali per ammodernamento tecnologico e creazione di nuove unità produttive.

Descrizione Bando

Lo sco­po del ban­do è sup­por­ta­re l’a­van­za­men­to del­la matu­ri­tà tec­no­lo­gi­ca di pro­ces­si, pro­dot­ti, ser­vi­zi inno­va­ti­vi che par­ta­no da un TRL5.

Il ban­do è rivol­to a tut­te le impre­se che voglio­no sfrut­ta­re le tec­no­lo­gie, i ser­vi­zi e le infra­strut­tu­re del CIM4.0 per svi­lup­pa­re il pro­prio pro­get­to inno­va­ti­vo.

Tre Ambi­ti di inter­ven­to:

  • Industry 4.0
  • Manifattura sostenibile per aerospace
  • Manifattura sostenibile per automotive

Soggetti beneficiari

Possono accedere al presente Bando e richiedere l’agevolazione le GI, le MPMI e le start up innovative che, al momento della presentazione della domanda, siano regolarmente costituite in forma societaria e iscritte nel Registro Imprese da almeno 2 (due) anni e possedere almeno 2 (due) bilanci chiusi ed approvati, ad eccezione delle startup innovative per le quali verrà verificata l’iscrizione all’apposito registro della Camera di Commercio.

Tipologia di interventi ammissibili

Le proposte progettuali dovranno avere le seguenti caratteristiche:

– Rientranre tra i seguenti ambiti di intervento:

  • Industry 4.0
  • Manifattura sostenibile per aerospace
  • Manifattura sostenibile per automotive

– Utilizzare una o più tecnologie e/o competenze del CIM4.0;

– Avere un impatto sulla sostenibilità sociale e/o economica e/o ambientale;

– Essere caratterizzate da un elevato livello di innovatività, ovvero con TRL pari almeno a 5 e che raggiungano, al termine delle attività, un livello superiore (da 6 a 9);

– Richiedere un contributo erogabile non superiore ad € 400.000,00 a progetto.

Sono ammissibili alle agevolazioni i seguenti costi:

  • Personale dell’impresa, incluse missioni e trasferte;
  • Spese generali (15% del costo totale del personale);
  • Strumentazione, attrezzature, impianti, macchinari e componenti hardware e software;
  • Servizi di consulenza specialistica e tecnologica;
  • Costi per materiali;
  • Costi per licenze e diritti relativi all’utilizzo di titoli della proprietà intellettuale;
  • Locazione degli immobili.

Entità e forma dell’agevolazione

L’agevolazione è concessa nella forma di contributo a fondo perduto, fino ad una quota massima erogabile di € 400.000,00 a progetto.

Le attività da svolgere potranno essere distinte tra Ricerca Industriale, Sviluppo Sperimentale e Studio di Fattibilità. Le agevolazioni sono così ripartite:

 % intensità aiuto sul totale dei costi ammissibili
ATTIVITÀMicro e Piccole ImpreseMedie ImpreseGrandi Imprese
Ricerca Industriale (RI)70%60%50%
Sviluppo Sperimentale (SS)45%35%25%
Studi di Fattibilità (SF)70%60%50%

Scadenza

4 agosto 2023

Marche: Contributo a fondo perduto alle micro e piccole imprese artigiane per l’ammodernamento tecnologico e creazione di nuove unità produttive

Descrizione Bando

Lo sco­po del ban­do è sup­por­ta­re l’a­van­za­men­to del­la matu­ri­tà tec­no­lo­gi­ca di pro­ces­si, pro­dot­ti, ser­vi­zi inno­va­ti­vi che par­ta­no da un TRL5.

Il ban­do è rivol­to a tut­te le impre­se che voglio­no sfrut­ta­re le tec­no­lo­gie, i ser­vi­zi e le infra­strut­tu­re del CIM4.0 per svi­lup­pa­re il pro­prio pro­get­to inno­va­ti­vo.

Tre Ambi­ti di inter­ven­to:

  • Industry 4.0
  • Manifattura sostenibile per aerospace
  • Manifattura sostenibile per automotive

Soggetti beneficiari

Possono accedere al presente Bando e richiedere l’agevolazione le GI, le MPMI e le start up innovative che, al momento della presentazione della domanda, siano regolarmente costituite in forma societaria e iscritte nel Registro Imprese da almeno 2 (due) anni e possedere almeno 2 (due) bilanci chiusi ed approvati, ad eccezione delle startup innovative per le quali verrà verificata l’iscrizione all’apposito registro della Camera di Commercio.

Tipologia di interventi ammissibili

Le proposte progettuali dovranno avere le seguenti caratteristiche:

– Rientranre tra i seguenti ambiti di intervento:

  • Industry 4.0
  • Manifattura sostenibile per aerospace
  • Manifattura sostenibile per automotive

– Utilizzare una o più tecnologie e/o competenze del CIM4.0;

– Avere un impatto sulla sostenibilità sociale e/o economica e/o ambientale;

– Essere caratterizzate da un elevato livello di innovatività, ovvero con TRL pari almeno a 5 e che raggiungano, al termine delle attività, un livello superiore (da 6 a 9);

– Richiedere un contributo erogabile non superiore ad € 400.000,00 a progetto.

Sono ammissibili alle agevolazioni i seguenti costi:

  • Personale dell’impresa, incluse missioni e trasferte;
  • Spese generali (15% del costo totale del personale);
  • Strumentazione, attrezzature, impianti, macchinari e componenti hardware e software;
  • Servizi di consulenza specialistica e tecnologica;
  • Costi per materiali;
  • Costi per licenze e diritti relativi all’utilizzo di titoli della proprietà intellettuale;
  • Locazione degli immobili.

Entità e forma dell’agevolazione

L’agevolazione è concessa nella forma di contributo a fondo perduto, fino ad una quota massima erogabile di € 400.000,00 a progetto.

Le attività da svolgere potranno essere distinte tra Ricerca Industriale, Sviluppo Sperimentale e Studio di Fattibilità. Le agevolazioni sono così ripartite:

 % intensità aiuto sul totale dei costi ammissibili
ATTIVITÀMicro e Piccole ImpreseMedie ImpreseGrandi Imprese
Ricerca Industriale (RI)70%60%50%
Sviluppo Sperimentale (SS)45%35%25%
Studi di Fattibilità (SF)70%60%50%

Scadenza

4 agosto 2023

CCIAA di Vicenza. Bando internazionalizzazione – anno 2023. Finanziamento a fondo perduto per rendere le imprese capaci di operare nei mercati internazionali.

Descrizione Bando

Lo sco­po del ban­do è sup­por­ta­re l’a­van­za­men­to del­la matu­ri­tà tec­no­lo­gi­ca di pro­ces­si, pro­dot­ti, ser­vi­zi inno­va­ti­vi che par­ta­no da un TRL5.

Il ban­do è rivol­to a tut­te le impre­se che voglio­no sfrut­ta­re le tec­no­lo­gie, i ser­vi­zi e le infra­strut­tu­re del CIM4.0 per svi­lup­pa­re il pro­prio pro­get­to inno­va­ti­vo.

Tre Ambi­ti di inter­ven­to:

  • Industry 4.0
  • Manifattura sostenibile per aerospace
  • Manifattura sostenibile per automotive

Soggetti beneficiari

Possono accedere al presente Bando e richiedere l’agevolazione le GI, le MPMI e le start up innovative che, al momento della presentazione della domanda, siano regolarmente costituite in forma societaria e iscritte nel Registro Imprese da almeno 2 (due) anni e possedere almeno 2 (due) bilanci chiusi ed approvati, ad eccezione delle startup innovative per le quali verrà verificata l’iscrizione all’apposito registro della Camera di Commercio.

Tipologia di interventi ammissibili

Le proposte progettuali dovranno avere le seguenti caratteristiche:

– Rientranre tra i seguenti ambiti di intervento:

  • Industry 4.0
  • Manifattura sostenibile per aerospace
  • Manifattura sostenibile per automotive

– Utilizzare una o più tecnologie e/o competenze del CIM4.0;

– Avere un impatto sulla sostenibilità sociale e/o economica e/o ambientale;

– Essere caratterizzate da un elevato livello di innovatività, ovvero con TRL pari almeno a 5 e che raggiungano, al termine delle attività, un livello superiore (da 6 a 9);

– Richiedere un contributo erogabile non superiore ad € 400.000,00 a progetto.

Sono ammissibili alle agevolazioni i seguenti costi:

  • Personale dell’impresa, incluse missioni e trasferte;
  • Spese generali (15% del costo totale del personale);
  • Strumentazione, attrezzature, impianti, macchinari e componenti hardware e software;
  • Servizi di consulenza specialistica e tecnologica;
  • Costi per materiali;
  • Costi per licenze e diritti relativi all’utilizzo di titoli della proprietà intellettuale;
  • Locazione degli immobili.

Entità e forma dell’agevolazione

L’agevolazione è concessa nella forma di contributo a fondo perduto, fino ad una quota massima erogabile di € 400.000,00 a progetto.

Le attività da svolgere potranno essere distinte tra Ricerca Industriale, Sviluppo Sperimentale e Studio di Fattibilità. Le agevolazioni sono così ripartite:

 % intensità aiuto sul totale dei costi ammissibili
ATTIVITÀMicro e Piccole ImpreseMedie ImpreseGrandi Imprese
Ricerca Industriale (RI)70%60%50%
Sviluppo Sperimentale (SS)45%35%25%
Studi di Fattibilità (SF)70%60%50%

Scadenza

4 agosto 2023

Marche e Abruzzo: finanziamento agevolato e contributo a fondo perduto

Descrizione Bando

Lo sco­po del ban­do è sup­por­ta­re l’a­van­za­men­to del­la matu­ri­tà tec­no­lo­gi­ca di pro­ces­si, pro­dot­ti, ser­vi­zi inno­va­ti­vi che par­ta­no da un TRL5.

Il ban­do è rivol­to a tut­te le impre­se che voglio­no sfrut­ta­re le tec­no­lo­gie, i ser­vi­zi e le infra­strut­tu­re del CIM4.0 per svi­lup­pa­re il pro­prio pro­get­to inno­va­ti­vo.

Tre Ambi­ti di inter­ven­to:

  • Industry 4.0
  • Manifattura sostenibile per aerospace
  • Manifattura sostenibile per automotive

Soggetti beneficiari

Possono accedere al presente Bando e richiedere l’agevolazione le GI, le MPMI e le start up innovative che, al momento della presentazione della domanda, siano regolarmente costituite in forma societaria e iscritte nel Registro Imprese da almeno 2 (due) anni e possedere almeno 2 (due) bilanci chiusi ed approvati, ad eccezione delle startup innovative per le quali verrà verificata l’iscrizione all’apposito registro della Camera di Commercio.

Tipologia di interventi ammissibili

Le proposte progettuali dovranno avere le seguenti caratteristiche:

– Rientranre tra i seguenti ambiti di intervento:

  • Industry 4.0
  • Manifattura sostenibile per aerospace
  • Manifattura sostenibile per automotive

– Utilizzare una o più tecnologie e/o competenze del CIM4.0;

– Avere un impatto sulla sostenibilità sociale e/o economica e/o ambientale;

– Essere caratterizzate da un elevato livello di innovatività, ovvero con TRL pari almeno a 5 e che raggiungano, al termine delle attività, un livello superiore (da 6 a 9);

– Richiedere un contributo erogabile non superiore ad € 400.000,00 a progetto.

Sono ammissibili alle agevolazioni i seguenti costi:

  • Personale dell’impresa, incluse missioni e trasferte;
  • Spese generali (15% del costo totale del personale);
  • Strumentazione, attrezzature, impianti, macchinari e componenti hardware e software;
  • Servizi di consulenza specialistica e tecnologica;
  • Costi per materiali;
  • Costi per licenze e diritti relativi all’utilizzo di titoli della proprietà intellettuale;
  • Locazione degli immobili.

Entità e forma dell’agevolazione

L’agevolazione è concessa nella forma di contributo a fondo perduto, fino ad una quota massima erogabile di € 400.000,00 a progetto.

Le attività da svolgere potranno essere distinte tra Ricerca Industriale, Sviluppo Sperimentale e Studio di Fattibilità. Le agevolazioni sono così ripartite:

 % intensità aiuto sul totale dei costi ammissibili
ATTIVITÀMicro e Piccole ImpreseMedie ImpreseGrandi Imprese
Ricerca Industriale (RI)70%60%50%
Sviluppo Sperimentale (SS)45%35%25%
Studi di Fattibilità (SF)70%60%50%

Scadenza

4 agosto 2023

AUTOTRASPORTO: Finanziamento a fondo perduto per imprese che esercitano attività di autotrasporto di merci per conto di terzi per adeguamento del parco veicolare

Descrizione Bando

Lo sco­po del ban­do è sup­por­ta­re l’a­van­za­men­to del­la matu­ri­tà tec­no­lo­gi­ca di pro­ces­si, pro­dot­ti, ser­vi­zi inno­va­ti­vi che par­ta­no da un TRL5.

Il ban­do è rivol­to a tut­te le impre­se che voglio­no sfrut­ta­re le tec­no­lo­gie, i ser­vi­zi e le infra­strut­tu­re del CIM4.0 per svi­lup­pa­re il pro­prio pro­get­to inno­va­ti­vo.

Tre Ambi­ti di inter­ven­to:

  • Industry 4.0
  • Manifattura sostenibile per aerospace
  • Manifattura sostenibile per automotive

Soggetti beneficiari

Possono accedere al presente Bando e richiedere l’agevolazione le GI, le MPMI e le start up innovative che, al momento della presentazione della domanda, siano regolarmente costituite in forma societaria e iscritte nel Registro Imprese da almeno 2 (due) anni e possedere almeno 2 (due) bilanci chiusi ed approvati, ad eccezione delle startup innovative per le quali verrà verificata l’iscrizione all’apposito registro della Camera di Commercio.

Tipologia di interventi ammissibili

Le proposte progettuali dovranno avere le seguenti caratteristiche:

– Rientranre tra i seguenti ambiti di intervento:

  • Industry 4.0
  • Manifattura sostenibile per aerospace
  • Manifattura sostenibile per automotive

– Utilizzare una o più tecnologie e/o competenze del CIM4.0;

– Avere un impatto sulla sostenibilità sociale e/o economica e/o ambientale;

– Essere caratterizzate da un elevato livello di innovatività, ovvero con TRL pari almeno a 5 e che raggiungano, al termine delle attività, un livello superiore (da 6 a 9);

– Richiedere un contributo erogabile non superiore ad € 400.000,00 a progetto.

Sono ammissibili alle agevolazioni i seguenti costi:

  • Personale dell’impresa, incluse missioni e trasferte;
  • Spese generali (15% del costo totale del personale);
  • Strumentazione, attrezzature, impianti, macchinari e componenti hardware e software;
  • Servizi di consulenza specialistica e tecnologica;
  • Costi per materiali;
  • Costi per licenze e diritti relativi all’utilizzo di titoli della proprietà intellettuale;
  • Locazione degli immobili.

Entità e forma dell’agevolazione

L’agevolazione è concessa nella forma di contributo a fondo perduto, fino ad una quota massima erogabile di € 400.000,00 a progetto.

Le attività da svolgere potranno essere distinte tra Ricerca Industriale, Sviluppo Sperimentale e Studio di Fattibilità. Le agevolazioni sono così ripartite:

 % intensità aiuto sul totale dei costi ammissibili
ATTIVITÀMicro e Piccole ImpreseMedie ImpreseGrandi Imprese
Ricerca Industriale (RI)70%60%50%
Sviluppo Sperimentale (SS)45%35%25%
Studi di Fattibilità (SF)70%60%50%

Scadenza

4 agosto 2023